Recensione Il Cortigiano - ROCKIT (di Marco Villa):

Scritto da  Venerdì, 06 Aprile 2012 00:00

Prima di iniziare ad ascoltare il disco di Ugo Cattabiani è il caso di prendere le parolenuovo e originale e toglierle dal tavolo. Se si parte con in testa il presupposto di cercare queste due categorie, l'album sarà una delusione tremenda. Se invece non vi interessa trovare novità, prego: questo è un signor disco.

"Il Cortigiano" è un album classificabile come folk Made in USA, ovviamente filtrato attraverso i cantautori italiani. In pezzi come "Non credere che vada bene così", il riferimento immediato è al Guccini di "Un altro giorno è andato", in altri passaggi il rimando, invece, è al De Gregori più legato alla ballad e all'eredità del Dylan elettrico.


Lungo questi suoni, Ugo Cattabiani costruisce un album di pulizia e misura invidiabili. Suono coerente, immaginario chiaro e ben definito. Ballate con spigoli blues, cantautorato con le elettriche. Storie d'amore e di vita comune. Con due eccezioni, sia dal punto di vista musicale che dei testi.

"La passeggiata" è un recitato che ricorda per sonorità i ManzOni, ma che si caratterizza per un testo impegnato, che attacca il mondo della politica, senza mai cadere nella retorica. Il pezzo successivo è il più strano e, a suo modo, geniale. "I Cortigiani" riprende una parte del libretto del "Rigoletto", dandole però un andamento da canto anarchico e innestando una chitarra elettrica. Detta così può sembrare una sparata intellettualoide o qualcosa di inascoltabile. Sbagliato: è un pezzo che funziona, un'idea intelligente.

Così come intelligente è tutto il disco. Quelle di Ugo Cattabiani sono canzoni fatte bene, canzoni oneste. E, come cantava qualcuno, "a culo tutto il resto".

Accedi alla fonte dell'articolo si ROCK.IT

akazoo amazon apple music deezer google play itunes napster playme spotify timmusic